PUBBLICATA NEL BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA LA LEGGE IN MATERIA DI PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE URBANISTICA E RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO.

 

Pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia la legge in materia di “perequazione, compensazione urbanistica e contributo straordinario per la riduzione del consumo di suolo” che avevo proposto, approvata dal Consiglio regionale il 9 aprile scorso.

Nonostante tutto, le gioie e la soddisfazione che è ancora capace di riservarti il lavoro.

Per il testo ufficiale in Bollettino, da qui.

Per una nota di sintesi sugli obiettivi e sul contenuto della legge, rinvio al mio blog, dal seguente link:

È LEGGE REGIONALE LA PROPOSTA SU PEREQUAZIONE, COMPENSAZIONE URBANISTICA E RIDUZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO.

 

SENZA INDUGI SI COMPLETINO I LAVORI ALLA “DON MILANI”. DALLA REGIONE 40.000 EURO.

Comprendo bene le proteste degli ultimi giorni da parte di genitori degli alunni della scuola materna ed elementare “Don Milani” di Altamura, che lamentano l’inagibilità della palestra dell’Istituto.

Si tratta di una protesta più che legittima e che ha ragioni fondate, per un problema che perdura da svariati anni (se non sbaglio e che ha coinvolto diverse stagioni amministrative. Da parte mia sto cercando (da un anno e mezzo almeno, a partire dalla stagione dei commissari prefettizi), con impegno costante e con tutti i mezzi a mia disposizione (non avendo ruoli all’interno dell’ente comunale da anni), di addivenire alla soluzione definitiva della questione, che ha avuto un primo importante sbocco la scorsa estate con l’avvio dei lavori di sistemazione della copertura della palestra [avevo scritto qui].

I lavori sono stati poi sospesi per verificare la tenuta e l’efficacia degli interventi eseguiti sulla copertura con le piogge, le nevicate e le intemperie che si sarebbero verificate durante la stagione invernale.

Passata questa, ci sono ora tutte le condizioni per completare i lavori avviati, sfruttando a tal fine anche un finanziamento di 40mila euro che, nel frattempo, la Regione ha assegnato al Comune per la “Don Milani”, grazie ad un fondo costituito su iniziativa dell’Assessore al “Diritto allo Studio e Scuola”, Sebastiano Leo, finalizzato proprio a sostenere interventi in Puglia di ripristino di ambienti scolastici danneggiati, ad esempio, da eventi di tipo calamitoso.

A questo proposito, gli uffici regionali, dopo aver effettuato un sopralluogo il 25 febbraio scorso, attendono la trasmissione di un paio di atti da parte del Comune (nell’immagine la nota scritta trasmessa a marzo) per poter erogare materialmente il finanziamento che, assieme alle risorse che il Comune potrebbe stanziare (per ulteriori 40 mila euro), potranno consentire di realizzare un intervento completo capace di ripristinare tutti gli ambienti interni della palestra e degli spazi annessi (rifacimento degli intonaci, pitturazione, ecc.), inclusa la sistemazione dei bagni.

Quindi, forza, senza indugi si proceda con gli ultimi adempimenti, così da poter completare i lavori prima della ripresa delle attività didattiche del prossimo anno scolastico e porre fine a questo problema irrisolto per anni.

ENZO COLONNA

“PIA PICCOLE IMPRESE”, IMPORTANTI NOVITÀ PER ALLARGARE LA PLATEA DELLE IMPRESE BENEFICIARIE.

Sono molto soddisfatto per la nota che nei giorni scorsi mi ha fatto pervenire l’Assessore allo Sviluppo Economico Cosimo Borraccino in risposta alla mia sollecitazione/interrogazione (v. immagini in alto e leggi qui) con la quale auspicavo una revisione dei criteri per l’accesso ai finanziamenti a fondo perduto previsti nell’ambito dell’iniziativa “PIA – Piccole Imprese”, in modo da consentire a una platea più ampia di piccole imprese di accedere a questa straordinaria misura per realizzare importanti investimenti finalizzati alla loro crescita e, quindi, allo sviluppo economico del territorio, con significative ricadute anche in termini occupazionali.

In particolare, nella mia interrogazione segnalavo come il bando a sportello (che sta già ottenendo risultati ampiamente positivi garantendo incentivi concreti per la realizzazione di rilevanti investimenti, per un importo pari ad oltre 290 milioni di euro su tutto il territorio regionale) preveda che, per ottenere l’ammissione al finanziamento, la piccola impresa proponente dovesse dimostrare di possedere un fatturato medio, negli ultimi tre anni, di 1,5 milioni di euro. Si tratta, evidentemente, di un importo troppo elevato e difficilmente raggiungibile per molte piccole imprese pugliesi che non riescono a sviluppare volumi di fatturato di questa consistenza, venendo così escluse dalla possibilità di cogliere questa importante opportunità.

Su questo specifico punto, la novità evidenziata nella nota di risposta è la recente emanazione del Regolamento regionale n. 2/2019 con cui si è introdotta la possibilità di presentare “programmi integrati” che comprendano, in un’unica istanza, sia il programma di investimento della Piccola Impresa proponente che deve possedere tutti i requisiti già previsti dal bando (ivi compreso quello relativo al fatturato medio degli ultimi tre anni) sia programmi di investimento di altre piccole o micro imprese che possono anche non possedere quei requisiti, a condizione che promuovano investimenti di importo compreso tra i 500 mila e i 2 milioni di euro.

Questa novità (che modifica l’art. 25 del Regolamento regionale n. 17/2014 in materia di aiuti e che sarà recepito dall’Avviso pubblico in corso di aggiornamento) consentirà di ampliare la platea dei potenziali fruitori di questa misura, in una logica di “filiera” o di “rete” che permetterà a soggetti di dimensioni ridotte di intraprendere programmi di sviluppo più ambiziosi e complessi, in coerenza con le strategie regionali, grazie al supporto offerto da realtà più strutturate.

Si tratta di una innovazione certamente apprezzabile che va nella direzione di sostenere tutto il nostro sistema produttivo, composto in gran parte da un articolato e vivace tessuto di piccole e medie imprese operanti sul territorio che rappresentano l’ossatura dell’economia regionale, incentivando forme di collaborazione (“filiera”, “rete”, “partnership”) in grado di creare valore non solo in termini economici ma anche di crescita complessiva del “capitale sociale”.

Nella medesima direzione si muovono anche altre iniziative in corso di elaborazione da parte della Sezione “Competitività e Ricerca dei Sistemi Produttivi” e della società in-house regionale Puglia Sviluppo, a partire da un aggiornamento della misura TecnoNidi, rivolta alle imprese innovative di piccola dimensione che intendano avviare o realizzare piani di investimenti a contenuto tecnologico, per la quale si prevede un aumento dell’importo dell’investimento agevolabile e delle relative voci di spesa ammissibili.

Ringrazio l’Assessore Borraccino, la struttura del Dipartimento Sviluppo Economico, in particolare la Sezione “Competitività e Ricerca dei Sistemi Produttivi” della Regione diretta dall’avv. Gianna Elisa Berlingerio, per la tempestiva ed esauriente risposta che mi è stata fornita e per l’ottimo lavoro che stanno realizzando per garantire adeguato supporto alle imprese pugliesi nella realizzazione dei loro programmi di investimento.

Le misure di sostegno che la Regione già mette a disposizione e le iniziative in corso credo siano la strada giusta per garantire uno sviluppo economico stabile e duraturo per la Puglia. Va percorsa con sempre più forza e determinazione.

ENZO COLONNA

 

OSPEDALE DELLA MURGIA: CONFERMATI I 5 MILIONI DI EURO DALLA REGIONE PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO, SOLARE TERMICO, EFFICIENTAMENTO E RIDUZIONE CONSUMI DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE.

Confermata in via definitiva la graduatoria della Regione Puglia che assegna alla ASL di Bari 4,5 milioni di euro per importanti interventi di efficientamento energetico dell’Ospedale della Murgia “Fabio Perinei”, ad esito dell’avviso finalizzato a finanziare progetti di enti pubblici per la riduzione dei consumi e la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili su edifici pubblici o di uso pubblico [ne avevo scritto qui].

Per questo avviso, ricordo, la Regione ha stanziato ben 158 milioni di euro (a valere sui fondi strutturali del POR Puglia 2014-2020, Asse IV, Azione 4.1), di cui 30 milioni riservati a progetti presentati da aziende sanitarie pugliesi e 10 per interventi promossi da amministrazioni statali; la somma residua è destinata invece a interventi proposti da altre amministrazioni pubbliche (prevalentemente comuni). Una misura che, per entità dello stanziamento di risorse, non ha precedenti a livello nazionale.

Con atto n. 67 dello scorso 26 aprile a firma del Dirigente della Sezione regionale “Infrastrutture energetiche e digitali” del Dipartimento “Sviluppo Economico e Innovazione”, ing. Carmela Iadaresta, è stata approvata la graduatoria definitiva che conferma il finanziamento al progetto presentato dalla ASL di Bari per il “Perinei”, grazie all’impulso dell’allora direttore generale Vito Montanaro e al lavoro svolto dal personale dell’Area Gestione Tecnica della ASL diretta dall’ing. Nicola Sansolini.

È un progetto di importo complessivo pari a quasi 5 milioni di euro (con un cofinanziamento dell’azienda sanitaria di circa 500 mila euro) che si è classificato al 3° posto nella graduatoria dedicata alle aziende sanitarie, che vede finanziati in tutto 8 interventi.

In sintesi prevede:

  • interventi per la produzione di energia per autoconsumo da fonti rinnovabili (con l’installazione di un impianto fotovoltaico e di uno solare termico per la produzione di acqua calda);
  • interventi sui sistemi di illuminazione al fine di ridurre i consumi e incrementare l’efficienza;
  • la realizzazione di un sistema di trigenerazione, che utilizza cioè energia termica recuperata per alimentare l’impianto di climatizzazione invernale ed estiva.

Per la realizzazione dei lavori si procederà con la formula del progetto di finanza.

Siamo in presenza, dunque, di un importante intervento destinato ad abbattere drasticamente la bolletta energetica del presidio ospedaliero della Murgia e a rendere più efficiente la struttura.

Si tratta di interventi strutturali (assieme ad altri finanziati e prossimi ad essere realizzati) che si accompagnano al necessario potenziamento dell’organico in corso da mesi grazie alle procedure concorsuali e selettive già espletate, avviate o programmate dal nuovo piano triennale del fabbisogno del personale deliberato recentemente, che prevede un incremento di oltre 250 unità di personale tra medici, infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici.

ENZO COLONNA

 

700 MILA EURO PER LA PALESTRA DELLA “IV NOVEMBRE” DI ALTAMURA. EDILIZIA SCOLASTICA: DAL MINISTERO VIA LIBERA AI 9 MILIONI DI EURO ALLA PUGLIA PER REALIZZARE 17 PROGETTI INDIVIDUATI CON IL PIANO REGIONALE DI EDILIZIA SCOLASTICA.

Scuola IV Novembre – Altamura

 

Partiranno tra pochi mesi le procedure finalizzate ad effettuare diversi interventi relativi a scuole del territorio regionale.

Con il DM 2/2019, infatti, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha ripartito tra le Regioni le risorse pari complessivamente a 172.708.620,16 di euro. Si tratta di risorse derivanti dal c.d. “Decreto Mutui”, che stabilisce che le Regioni possano sottoscrivere con la Banca Europea degli Investimenti, dei mutui agevolati, con oneri di ammortamento a carico dello Stato, per la messa in sicurezza degli edifici scolastici o la costruzione di nuove scuole.

Nei mesi scorsi ciascuna Regione ha effettuato una ricognizione delle economie di spesa relative agli interventi già previsti per l’annualità 2017, vale a dire risorse che si sono liberate a seguito dell’espletamento delle gare di appalto o della revoca dei finanziamenti per mancata aggiudicazione nei termini previsti. La Regione Puglia lo ha fatto, tempestivamente, la scorsa estate, con una determinazione del Dirigente della Sezione “Istruzione e Università” arch. Marella Lamacchia (n. 63 del 26 luglio 2018).

Con il decreto recentemente approvato, il Governo nazionale ha recepito le ricognizioni effettuate dalle Regioni e assegnato definitivamente le risorse che, per la Puglia, ammontano a 9.143.991,01 di euro.

Gli enti locali dovranno avviare e/o completare gli interventi provvedendo alla proposta di aggiudicazione entro e non oltre 180 giorni dalla data di pubblicazione del Decreto nella Gazzetta Ufficiale (4 aprile 2019), pena la decadenza dal finanziamento e dovranno completare e rendicontare i lavori entro il 15 ottobre 2020.

Grazie a questi fondi, ricordo, in Puglia saranno realizzati altri 17 interventi di edilizia scolastica collocati nella graduatoria relativa al Piano Triennale Regionale di Edilizia Scolastica 2015-2017 (selezionati attraverso lo scorrimento della graduatoria) e cioè i progetti candidati dai Comuni di Zollino, Molfetta, San Giorgio Jonico, San Severo, Sammichele di Bari, Veglie, Rodi Garganico, Sannicandro di Bari, Taviano, Bisceglie, Bari, Cutrofiano, Manfredonia e Altamura.

In particolare, per quanto riguarda Altamura si tratta della realizzazione di una nuova palestra e di nuove aule per la Scuola elementare “IV Novembre”. Il progetto, di importo complessivo pari a 1.876.000 euro, potrà beneficiare del co-finanziamento richiesto, alcuni anni fa, dal Comune alla Regione che ammonta a 700 mila euro.

Dello scorrimento della graduatoria disposto dalla Regione avevo già riferito, con soddisfazione, nell’estate scorsa [leggi qui].

Ora, dunque, il via libera ministeriale al finanziamento. È davvero un’ottima notizia per la scuola altamurana: si tratta infatti di un intervento che consentirà di colmare una grave carenza strutturale e didattica della scuola, permettendo ai suoi alunni di disporre di uno spazio adeguato per l’attività fisica.

Spetta ora al Comune procedere con la progettazione esecutiva (non so se è opportuno e possibile aggiornamento/modifica del progetto iniziale) e subito dopo con la gara di appalto per i lavori. Il tutto nei tempi stretti assegnati dal Ministero.

Il finanziamento della palestra della “IV Novembre” segue, di qualche mese, quello analogo concesso dalla Regione per la realizzazione della palestra della Scuola media Padre Pio. Per quest’ultimo intervento, dopo esser stata approvata la progettazione e sottoscritto il disciplinare tra Comune di Altamura e Regione Puglia, è in via di definizione la gara d’appalto per l’esecuzione dei lavori.

ENZO COLONNA

 

25 APRILE, AUGURI A TUTTI NOI.

25 aprile, è facile cogliere l’occasione per intonare richiami nostalgici, lamentazioni sdegnate. Spesso motivate. Come ha scritto qualcuno, quando mai è stato roseo, soddisfacente il presente? Mi piace pensare che il 25 aprile richiami all’impegno del presente, nel presente, unico modo di occuparsi del futuro, unica forma di sua costruzione. Un forte richiamo a vivere il meglio del presente e a viverlo al meglio.

Auguri a tutti noi.

La morte insudicia. Insudicia quello che era pulito. Intorbida quello che era limpido. Inlaidisce quello che era bello. Intenebra quello che era luminoso … Le prefiche che urlano al funerale ci ripugnano, questa piú bestiale delle retoriche, ma piú ancora ci ripugnano le prefiche che dalle colonne dei giornali, dagli altoparlanti della radio urlano sulle sciagure che attraversiamo e a tutte danno lo stesso grido stupido e impersonale … L’idea che piú insistente batte in questi tempi nella nostra mente è l’idea di educazione. Educare il popolo italiano. Rinettare soprattutto la sua anima affinché libera e illuminata essa possa operare nel bene, nella intelligenza e nella dignità. [Alberto Savinio, “Ascolto il tuo cuore, città”, 1943]

 

DALLA PARTE DI RADIO RADICALE.

Sebbene fossi assente, sono davvero contento che il Consiglio regionale (con il solo voto contrario del M5S) abbia approvato oggi la mozione che avevo convintamente sottoscritto (prima firmataria la collega Francesca Franzoso, che ringrazio per aver preso l’iniziativa) a sostegno di Radio Radicale.

Con questa mozione, il Consiglio impegna il Presidente della Regione Puglia a farsi parte attiva nei confronti del Governo nazionale e del Ministero dello Sviluppo Economico, perché vengano intraprese tutte le iniziative per garantire il rinnovo della convenzione con Radio Radicale per la trasmissione delle sedute parlamentari. Si chiede il ripristino della legge 230 del 1990 scongiurando la chiusura di una emittente che rappresenta un patrimonio storico culturale e politico di grande valore.

Ricordo che con la legge 230/1990 lo Stato finanzia imprese radiofoniche private che trasmettono “quotidianamente propri programmi informativi su avvenimenti politici, religiosi, economici, sociali, sindacali o letterari per non meno di nove ore comprese tra le ore 7:00 e le ore 20:00”. Radio Radicale svolge con la sua attività di informazione un servizio pubblico dal 1976, al fine di permettere agli ascoltatori di “conoscere per deliberare”, come ancora oggi scandisce la frase di Luigi Einaudi sul sito internet dell’emittente. L’archivio di Radio Radicale è un enorme patrimonio fruibile da chiunque. Da 11 anni lo Stato rinnova annualmente la convenzione con Radio Radicale per trasmettere senza pubblicità̀ le sedute del Parlamento. La legge di bilancio statale 2019 prevede l’abrogazione della legge 230/1990 a decorrere dal 1° gennaio 2020.

Tra le altre è in corso questa petizione online a sostegno di Radio Radicale. Per chi voglia sottoscriverla, da qui il link.

I BANDI ASL BARI PER I NUOVI PRIMARI PER L’OSPEDALE DELLA MURGIA PUBBLICATI NEL BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Sono stati pubblicati nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia gli avvisi pubblici indetti dalla ASL BA per l’affidamento degli incarichi di Direttore (meglio conosciuto come “primario”) di diverse strutture complesse del barese [ne avevo scritto qui ad esempio].

In particolare, per quanto riguarda l’Ospedale della Murgia “Fabio Perinei”, nel BURP n. 18 del 14 febbraio [da qui] sono stati pubblicati gli avvisi per selezionare i primari dei reparti di “Ortopedia e Traumatologia”, “Neurologia” e per il Direttore del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura di Altamura, mentre nel BURP n. 43 del 18 aprile [da qui] sono stati pubblicati gli avvisi relativi al conferimento degli incarici di primario per i reparti di “Cardiologia”, “Chirurgia Generale”, “Ostetricia e Ginecologia” e “Urologia”.

Ora si attende solo la pubblicazione degli estratti degli avvisi nella Gazzetta Ufficiale (che avverrà nei prossimi giorni) per consentire a tutti gli interessati di poter procedere con l’invio, nei termini e con le modalità previste dai singoli bandi, delle istanze di partecipazione a ciascun concorso.

Tutte le informazioni possono essere trovate nella sezione “Concorsi” del Sito istituzionale della ASL BA.

In questo modo, nel giro di qualche mese, potrà essere definitivamente superata la lunga fase di transizione, durata molti anni, che ha visto molti reparti dell’Ospedale “Perinei” del tutto sprovvisti di primari di ruolo e affidati a pur economiabili e professionali “facenti funzione”.

Sono molto soddisfatto per questo ulteriore passo in avanti nella giusta direzione, dal momento che era da tempo che rilevavo la necessità di procedere senza ulteriori indugi con questi avvisi in modo da dotare strutture complesse, particolarmente delicate, dell’Ospedale della Murgia delle necessarie figure mediche apicali in grado di assicurare, in un contesto di maggiore stabilità e di migliore programmazione e organizzazione, servizi sanitari più efficaci e tempestivi per i cittadini di un vasto bacino territoriale come quello che ha nel “Perinei” il suo punto di riferimento.

Andiamo avanti così!

ENZO COLONNA

IN GAZZETTA UFFICIALE I CONCORSI ASL BARI PER DIVERSE FIGURE PROFESSIONALI. AL VIA LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE.

Come avevo anticipato nelle scorse settimane, prima al momento dell’adozione della deliberazione del Direttore Generale della ASL BA e, poi, della pubblicazione dei bandi nel Bollettino regionale (BURP n. 15 del 7 febbraio 2019), sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale gli estratti di ciascuno dei bandi di concorso della ASL BA, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, di numerose figure professionali.

In particolare, i concorsi (fatti salvi gli scorrimenti, praticamente certi, per l’assunzione di idonei collocati utilmente in graduatoria per sopperire alle ulteriori esigenze dell’azienda sanitaria barese e anche delle altre pugliesi) sono finalizzati all’assunzione di:

  • 15 Assistenti Sociali
  • 15 Educatori professionali
  • 30 Fisioterapisti
  • 30 Logopedisti
  • 25 Ostetriche
  • 10 Tecnici di Riabilitazione Psichiatrica

Per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, da QUI.

Da oggi, quindi, tutti gli interessati potranno procedere con l’invio, in modalità telematica, delle istanze di partecipazione, che dovranno essere presentate entro il 30° giorno dalla data di pubblicazione in GU.

Tutte le informazioni potranno essere trovate nella sezione “Concorsi” del Sito ufficiale della ASL BA (da qui).

Si tratta di un ulteriore importante passo a dimostrazione di quel “nuovo corso” per la sanità pugliese che, dopo anni di sacrifici, va assumendo contorni sempre più definiti e marcati.

Queste nuove assunzioni, infatti, assieme a tutte le procedure già avviate negli ultimi mesi per il reclutamento di primari, medici specialisti, infermieri, operatori socio-sanitari e ausiliari, contribuiranno a rendere servizi sanitari sempre più efficaci e tempestivi ai cittadini, in grado di corrispondere alle esigenze sempre crescenti di buona sanità pubblica. Si tratta di un lavoro duro e complesso che il governo regionale sta mettendo in campo, tra mille difficoltà e dopo circa quindici anni di blocco imposto dal governo centrale, e che finalmente consente di vedere i primi segni tangibili.

La strada per una migliore sanità pubblica è stata tracciata. Occorre continuare a perseguirla con costanza e determinazione.

ENZO COLONNA

 

DALLA REGIONE VIA LIBERA DEFINITIVO AL FINANZIAMENTO DELLA RIQUALIFICAZIONE CENTRO STORICO DI ALTAMURA. ORA TEMPI SERRATI PER GARA D’APPALTO E LAVORI.

Dopo tanto lavoro, un grande concreto risultato!

A tre settimane dalla delibera con cui la Giunta regionale ha confermato la finanziabilità dei PISU (piani integrati di sviluppo urbano) dei comuni in possesso di progetti esecutivi già validati (sebbene non abbiano ancora adottato i relativi bandi di gara), stabilendo a tal fine alcune condizioni, ecco ora, pubblicato un paio di giorni fa, l’atto dirigenziale esecutivo (v. immagini in alto) che dà il via libera definitivo alla prosecuzione dell’importante progetto di Altamura (denominato “RigenerAltamura”) che interessa alcune vie e piazze del centro storico e mette a disposizione il finanziamento di quasi 5 milioni di euro per la realizzazione di interventi di riqualificazione (basolatura, sottoservizi, ecc.).

Nel frattempo, dopo il via libera anche della Soprintendenza, il Comune ha provveduto alla validazione dei progetti, un passaggio tecnico necessario al fine di avviare le gare d’appalto per l’esecuzione dei lavori.

Ormai ci siamo.

Il Comune di Altamura dovrà trasmettere nei prossimi giorni progetti esecutivi, la relativa determinazione dirigenziale di approvazione, i verbali di validazione dei progetti.

A quel punto, come è precisato nella determinazione del dirigente della Sezione “Tutela e valorizzazione del paesaggio” Regione Puglia, ing. Barbara Loconsole, il Comune sarà chiamato a sottoscrivere con la Regione un nuovo disciplinare, in cui sarà definito il cronoprogramma aggiornato, che sostituirà quello siglato nel 2014, ormai superato. La sottoscrizione potrebbe avvenire già entro la fine di maggio.

Il nuovo cronoprogramma prevede che la gara di appalto per la realizzazione dei lavori sia avviata entro 45 giorni dalla sottoscrizione del disciplinare. Entro i successivi 240 dovranno essere avviati i lavori che, si stima, dureranno circa 2 anni.

Stralciati dal programma gli altri interventi inizialmente previsti (che interessano piazza Matteotti e alcuni ambienti del Monastero del Soccorso), in quanto il Comune non dispone della relativa progettazione.

Dunque, è fatta. Abbiamo salvato e recuperato questo imponente finanziamento che la Regione ha messo a disposizione di Altamura, quasi 5 milioni di euro.

Una lunga, accidentata, complessa vicenda – che ha preso avvio nel 2011 e ha attraversato tre stagioni amministrative comunali, due gestioni commissariali, due governi regionali – giunge, con questo provvedimento dirigenziale regionale, ad un punto fermo, straordinario.

La soddisfazione è grande, dopo tanto lavoro. Il lavoro di tante persone coinvolte e impegnate, che torno a ringraziare, e, mi sia concesso, anche mio.

ENZO COLONNA

____

Per una ricostruzione di questa vicenda mi limito a rinviare alle mie due ultime note, disponibili nel mio blog, dai seguenti link:

A PROPOSITO DEI FONDI REGIONALI PER IL CENTRO STORICO DI ALTAMURA. (del 30 novembre 2019, clicca qui)

STRAORDINARIA NOTIZIA PER ALTAMURA: LA REGIONE PRONTA A EROGARE I 5 MILIONI DI EURO PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO. (del 29 novembre 2019, clicca qui)